Curiosità

5 divieti assurdi e incredibili nel mondo

Published

on

Nel mondo esistono dei divieti davvero bizzarri e fuori dal comune, talmente tanto da poter affermare tranquillamente che si tratta di divieti assurdi! Ma come si dice? Paese che vai, usanze che trovi..

In Turkmenistan il playback è vietato

Nel 2005 in Turkmenistan è stata varata una legge che vieta di cantare in playback. Un divieto davvero assurdo, ma che in realtà ha una motivazione ben precisa: preservare la “vera cultura”. Nella stessa legge, dell’allora presidente Saparmurat Niyazov, si vietano anche l’opera e il balletto, ritenute “inutili”. Questo si che è un divieto assurdo!

In Iran è vietato agli uomini il taglio di capelli “a spazzola” e farsi la coda

Eh si, proprio così! Dal 2010 i ragazzi e gli uomini italiani non possono più tagliarsi i capelli “a spazzola”. Ma vietate assolutamente sono anche delle acconciature, come quella la coda e il mullett, che andava di moda negli anni ’90.

In Corea del Nord sono vietati i jeans di colore blu

Non sono vietati i blue jeans, a meno che non siano dell’originale colore blu. Neri vanno bene, ma blu proprio no! Perché? Sembra che questo divieto assurdo esista perché i jeans blu ricorderebbero gli USA.

In Burundi è vietato lo jogging

In Burundi fare jogging è vietato dal 2014. Il divieto nasce dal fatto che questa attività sportiva è ritenuta pericolosa in quanto potenzialmente utilizzata come copertura per pianificare insurrezioni e crimini di vario genere. In passato, infatti, durante le numerose guerre, molti cittadini facevano jogging in gruppo per proteggersi dai soldati. Alcuni membri dell’opposizione sono stati addirittura arrestati per aver fatto “jogging di gruppo”.

Claire Danes ha il divieto di entrare nelle Filippine

L’attrice statunitense Claire Danes, protagonista di numerosi film e serie tv di successo come Terminator 3, è persona non grata nelle Filippine in quanto negli anni ’90 criticò le condizioni igieniche di Manila.

Exit mobile version