Connect with us

Stile di Vita

Prezzi e qualità: come scegliere capi di moda senza spendere una fortuna

Published

on

Moda accessibile

Essere alla moda, in un ambiente in continua evoluzione, può essere accessibile a tutti, mantenendo alcuni accorgimenti. Nel mondo sempre più veloce dell'industria dell'abbigliamento, infatti, trovare capi di qualità a prezzi ragionevoli può sembrare una sfida già persa in partenza. I prezzi spesso proibitivi dei grandi marchi, infatti, non permettono a molte persone di potersi avvicinare, neanche in occasione dei saldi. Dinanzi a una vasta gamma di opzioni disponibili, da marchi di lusso a fast fashion, può essere difficile discernere dove vale la pena investire. E, qualora si riuscisse a capire dove investire le proprie risorse, ci si potrebbe trovare a costi esorbitanti, spesso inaccessibili anche in occasione dei saldi stagionali. Ma come ovviare al problema? Questo articolo potrà servire come guida, attraverso strategie per scegliere pezzi alla moda senza sacrificare né la qualità né il portafoglio di ciascuno.

Comprendere il Rapporto Qualità-Prezzo

Moda accessibile: rapporto qualità prezzo
Valutare il rapporto qualità prezzo per rendere la moda più accessibile (Credits: Pixabay) - Community VelvetMag

Prima di tutto, è importante capire cosa significa "qualità" in termini di abbigliamento e perché può valere la pena pagare un po' di più per certi capi. Non sempre, infatti, una determinata firma può servire come marchio di garanzia di un determinato prodotto. Occorre, dunque, concentrare la propria attenzione su altri fattori, studiando al tatto il capo in questione. In tal senso, bisognerà tenere in considerazione i tessuti, la costruzione e la durata, che influenzano la qualità degli abbigliamenti e capire come riconoscere questi elementi durante lo shopping. Innanzitutto, occorrerà passare a un esame visivo, analizzando l'etichetta, sulla quale sarà recato il tipo di tessuto, con la sua composizione, e il tipo di lavaggio consigliato.

OEKO TEX: un marchio di qualità

Inoltre, se quest'ultima reca come scritta OEKO TEX (Fiducia nel Tessile), funge come marchio di garanzia del fatto che il capo non sia nocivo. Un altro modo per capire se un capo sia di qualità può passare anche attraverso l'analisi delle cuciture: se saltano o presentano dei buchi, si tratta di un capo realizzato con poca cura e approssimazione. Infine, anche l'analisi del coloro e/o di eventuali fantasie (righe o pois) può rivelarsi essenziale: osservare la corrispondenza tra i motivi a fantasia e capirne la regolarità può darci un'idea della qualità dell'abbigliamento in questione. I capi low cost saranno perciò meno precisi, in tal senso. Tuttavia, bisogna precisare che questa considerazione prescinde dall'appartenenza o meno a un marchio griffato: per questo, a parità di condizioni, sarà preferibile un capo non firmato, ma che comunque presenta tali garanzie di qualità e durevolezza.

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10